Sulle tracce di un GIGANTE

Ci troviamo per le vie silenziose e poco trafficate di VOLPIANO. Non nel centro, ma nella Periferia di uno dei tanti piccoli paesini che popolano la Provincia di Torino. Può un paesino di circa 15 mila abitanti avere una periferia? Ma è lì che consiglio di andare, un po’ lontano dai Bar, ormai sempre affollati letteralmente presi d’assalto nell’era del post COVID-19, un po’ lontano dai palazzi “nuovi” di 10 piani che sembrano vecchi, dalle banche, un po’ lontano dagli affollatissimi centri commerciali, dai luminosi e scintillanti palazzi pieni di lampadari, dai mobilifici!

Consiglio vivamente di percorrere quelle VIE a piedi per sentire l’assordante SILENZIO che le caratterizza. Un po’ a destra, un po’ a sinistra, sembrano incerte come se non avessero un’idea precisa di dove portare; tra quelle case basse, mai più di tre piani, con le finestre piccole che spesso non ci sono nemmeno sempre CHIUSE, o sbarrate da spesse grate di ferro a proteggere chissà quali tesori! E, infine, sotto i balconi che quasi non sporgono, uno dietro l’altro numerosissimi … quei PORTONI ENORMI anche loro quasi sempre chiusi. Eppure le tracce portano sempre verso quei PORTONI: tracce di macchinari a volte, tracce di fieno, tracce di letame o terra portano tutte a quei PORTONI che segnano il passaggio verso un mondo immenso.

E’ il mondo dell’AGRICOLTURA PIEMONTESE quello che si affaccia da questi grandi PORTONI. Un mondo fatto di regole antichissime: qui una grandinata o una gelata in ritardo sono più temuti dei proclami di Fedez! L’allagamento di un fiume è visto come manna dal cielo anche se fa molta più paura del DPCM di Draghi, per non parlare dell’invasione dell’ennesima cimice asiatica che chissà da dove viene, ma è capace di divorare un campo intero di coltivazioni in pochi giorni se non si interviene in modo efficacie, il passaggio dei cinghiali che devastano un campo intero in pochi minuti lascia senza forze anche i più temerari … soltanto l’Agenzia delle Entrate incute simili terrori.

Osservando questi “grandi PORTONI” con le loro forme sempre un po’ diverse, sembra di inseguire un GIGANTE ma alla fine sono OCCHI UMANI quello che si trova: all’apparenza tutti uguali, capaci tuttavia di trasmettere un po’ di ciò che accade nell’IMMENSO mondo interiore appena lì dietro quel mucchietto di pelle e ossa che ci tiene separati.

_MG_9373_4

Le immagini risalgono al 21 febbraio 2021 e sono post-prodotte utilizzando la modalità selezione a “mano libera” di GIMP che permette di selezionare solo una parte della fotografia sulla quale successivamente si possono applicare i vari filtri “coordinate polari” “vortice e pizzico” “caleidoscopio” che permettono di evidenziare qualcosa in più di ciò che l’occhio da solo riesce a vedere.

… di seguito…

i PORTONI senza trucco, come l’occhio li vedeva!

NEXT: a due passi dai monti

Da Torino è tutto … se non è per me, va bene. Luigi Bacco.

cropped-torinonellarete-logo_19-novembre-20175.jpg

cropped-torinonellarete-logo_19-novembre-20175.jpg

9 pensieri riguardo “Sulle tracce di un GIGANTE

  1. Oggi, caro Lù, ci regali un tuffo nel passato. Anche se tu ( essendo una leva ‘’69) non puoi ricordare, tempi troppo lontani. Quando la vita era Fuori Periferia, dove poi arrivava la periferia, e dopo anche la città, non puoi averla vissuta. Ma era così : grandissimi spaziosi portoni oltre ai quali c’era un mondo ancora saggio ed agricolo- contadino. Simile a quello vissuto in provincia a 30 km. da To. City. ***Esempio Carmagnola la quale poi dal 1961..63—65—ecc. s’è industrializzata con ‘’ Mamma Fiat’’ tanto per non far nomi .*** !! Simpatica l’idea di paragonare l’Agenzia delle Entrate al passaggio dei cinghiali. 😉
    Molto divertenti ed interessanti i ‘’tuoi’’ portoni trasformati in quel modo. Sarebbe fantastico puntare l’obbiettivo anche sui muri ‘’abbandonati’’ dimenticati, imbruttiti dal tempo; E con un colpo con trucco di ‘’gimp’’ restaurarli magicamente. Senza domande per il rinnovo + restauro+ tonnellate di burocrazia cartacea per il 110% + mesi e mesi di lavoro edile ecc. PUF …CLICK ed i centri storici acquisirebbero una nuova vita futurista, allegra, dinamica CALEIDOSCOPICA DA ‘’ urlooooooooooo’’ Click – Puf.
    Il portone ritoccato più originale, che la ‘’dice lunga’’; QUELLO CON ‘’VORTICE aranciato-azzurrato E CON UN PUGNO UMANO braccio umano compreso che sta per ‘’sganciare 1 destro diretto’’!!Grazie Lù.

    Piace a 2 people

  2. La Buracrazia nooo!!!! Il giorno che lo Stato capirà che la burocrazie è un freno anche per loro … vabbè lasciamo correre sarebbe come vedere Stati Uniti e Russia alleati!!!! Più facile costruire un portone tutto colorato dal vero vivo come quello delle foto qui sopra!!!!

    Buona domenica 🙂

    "Mi piace"

  3. La terza immagine è meravigliosa 🤩. Poi riguardo i paesini di 15mila con la periferia, sappi che in Sardegna c’è un paesino-ino-ino-ino-inissimo che ha una circonvallazione nel nulla più assoluto 😁

    Piace a 2 people

  4. ok didiluce! La terza immagine la stamperò e sarà tua se riusciremo ad incontrarci … magari sulla circonvallazione di quel paesino-ino-ino, chissà che foto che verrebbero!!!!!
    Grazie del tuo commento 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...