GRATTACIELI ONDULATI

Avete notato come prima le Periferie lontane, poi quelle più vicine e ormai a macchia di leopardo anche il Centro Città si stanno lentamente trasformando in pseudo set cinematografici, come quelli che abbiamo visto tante volte al cinema (quando ancora potevamo andarci), con i palazzi abbandonati, i negozi chiusi col cartello affittasi o vendesi, le strade piene di piante che crescono dove prima passavano le macchine e le persone?

La realtà come al solito, è molto più dolorosa del film perchè nei film c’è il “bel” protagonista che SA cosa bisogna fare e travolge montagne di cattivi riaccendendo le luci degli animi e poi anche quelle dei palazzi.

Vedere la propria città che chiude i battenti e rimane lì ad aspettare tempi migliori fa crescere nell’animo una terribile sensazione di incapacità e in poco tempo ci si ritrova pieni di INVIDIA verso chi riesce: viene voglia di fare qualcosa anche solo togliere le erbacce o raccogliere gli immancabili mozziconi di sigaretta, per far vedere che ci teniamo al nostro territorio!

Queste sono occasioni preziose perchè i sentimenti negativi che riempiono l’animo Nostro e quello di chi ci sta attorno diventano ottima BENZINA … se utilizzati per svolgere un’attività qualunque! Per esempio le persone piene di INVIDIA con i loro sguardi “negativi”, pur di criticare, OSSERVANO , SCRUTANO, CERCANO, FIUTANO il “difetto” qualunque esso sia per sparare tutta la loro negatività!

Il BOTTINO PREZIOSO sono le critiche apportate dall’invidioso: quelle persone ci mettono a conoscenza dei nostri più nascosti difetti, quelli che non riusciamo a vedere, quelli che nemmeno immaginiamo di avere perchè li usiamo come nascondiglio o come scusa! Certo uscire dal nascondiglio fa sempre un po’ di timore o vergogna, ma poi è bello sentirsi nuovamente liberi di correre perchè là nascosti al buio le gambe fanno male dopo pochi minuti, no? Le persone “INVIDIOSE”, in tempi difficili, aiutano il prossimo a migliorarsi ulteriormente.

Scrutando la periferia Torinese, con gli occhi di un Maestro dell’INVIDIA quale sono, il mio sguardo SCRUTA alla spasmodica ricerca di torri svettanti, luci accesissime e colorate, alberi rigogliosi, traffico e frenetica attività che circonda tutto e tutti in un gigantesco VORTICE. All’inizio sarà difficiliSSIMO perchè saremo pieni di difficoltà a dover ricostruire TUTTO ma saremo liberi dalla “luce rassicurante” del telefonino e dall’ennesimo breve intelligente Video capace di UCCIDERE una bambina di 10 anni troppo piccola per capire da sola cosa stava guardando … non che noi adulti ne siamo al riparo.

Fotografie: Scorcio in periferia ripreso il 22 gennaio 2021. Il parcheggio del vicino centro commerciale è semi deserto, il palazzo è solo uno dei tanti abbandonato da tempo insieme alla gru. Il luogo sarebbe ideale per girare un film post apocalittico, anche se qui nella desolata e semi deserta periferia torinese dell’Apocalisse non ci siamo accorti. Qui nulla sembra più riuscire a scuotere un alcunché.

Rigoglioso e ben funzionante il traliccio traboccante di antenne. Guai toccarle quelle robe lì, potrebbe interrompersi il video intelligente o non arrivare il messaggio di buongiorno a tutti su WhatsApp!

Le immagini di seguito sono tutte ricavate dalla prima immagine qui sopra disegnando col mouse gli improbabili “grattacieli ondulati” rimaneggiati utilizzando i filtri “vortice e pizzico” “onde” e “coordinate polari” disponibili sul meraviglioso menù “distorsioni” di GIMP.

Grazie alla “fotografia” è possibile prepararci ad immaginare un prossimo futuro quello della ripartenza, quando ci toccherà ricostruire TUTTO d’accapo, non siamo mica come il “faraone” che morto Lui dovevano morire tutti quanti, qui siamo in Italia: morto il nostro territorio ne rifaremo un altro!

NEXT: visioni invidiose

Da Torino è tutto … se non è per me, va bene. Luigi Bacco.

 

12 pensieri riguardo “GRATTACIELI ONDULATI

  1. SEMPLICEMENTE STABIGLIANTE : HAI rappresentato il mio cervello, il groviglio dei miei pensieri , le ondulazioni dei miei sentimenti, il vortice di alcune ansie. Che dire? NULLA ! Non sono necessarie parole. (visto che sintesi ? inusuale per me 🙂 🙂

    Piace a 2 people

  2. @Saxintosh: 🙂 togliere internet? Spero di no. Mi stupisce che i politici non abbiano ancora trovato il modo per impedirci di usarlo. Forse la censura di TRUMP è il primo tentativo di cosa realmente possono fare i gestori della grande rete!

    ciao Sax, ma ora sei un extra comunitario o siamo noi europei extracomunitari nella grande isola Britannica?

    Piace a 1 persona

  3. @Silvia Grande Maffei: Semplice e significativo. Spesso le cose semplici e significative che tutti possono cogliere in poco tempo, richiedono un lungo lavoro dietro le quinte di preparazione, allenamento, capacità, competenza … I telefonini danno l’illusione che semplice e significativo sia anche “facile”. Ma secondo me non lo è affatto, come capire i vortici e gli avvitamenti cerebrali … da perdersi!!!

    Piace a 1 persona

  4. Mah!, occhio a parlare di censura di Trump… anche se la parola “censura” può essere usata con molte accezioni, c’è il rischio di fare molta confusione.
    Devo essere libero di venire a fare casino in casa tua? Devo essere libero di insultare tutti nel tuo ufficio? Se uso il tuo blog per far circolare pornografia o per promuovere la vendita delle armi, tu mi censuri o la mia libertà deve essere mantenuta?
    Il Sig. Trump quando si è iscritto alle varie piattaforme private ha accettato il relativo contratto… come tutti. Quindi al massimo il caro Trump può intentare una causa civile, gli avvocati non gli mancano!
    Preferirei sentire parlare di censura quando è un governo ad impedire a qualcuno di poter comunicare.
    Scusami 🙂 Sono molto sensibile a questi argomenti 🙂
    …anche perché c’è la tendenza a dare troppa importanza a questi social… importanza che nella vita reale NON hanno. Quello che succede sui cosiddetti “social” non rappresenta né la maggioranza, né l’idea più comune. Rappresenta solo la voce più urlata.
    Chiedo ancora scusa per lo sfogo… ❤️

    Piace a 2 people

  5. Grazie Sax per lo sfogo! L’argomento è difficile da trattare perchè non faccio parte dello staff presidenziale e quindi parlo per sentito dire. Come dici tu se usi casa mia per fare schifezze cercherò in tutti i modi di fermarti!
    Ma un presidente degli Stati Uniti!! Certo costruire un muro come quello che ha fatto al confine col Messico è una scelta discutibile, anche azzerare le aziende cinesi come Huawei l’ho trovato detestabile, ma la Politica è fatta di scelte dolorose. Se penso a cosa ci fanno i politici italiani … !
    La sensazione che ho è che TRUMP sia stato bellamente buttato fuori e lui per vendetta ha preso decisioni scomode a chissà chi!
    Quello che mi ha colpito è il precedente: un Presidente in carica con tutti i suoi poteri può essere bannato. E’ un segnale forte, una regola forte da rispettare. A me preoccupa l’utilizzo di regole così forti. Spero sempre non tappino la bocca a quello sbagliato, per far parlare quello giusto che poi, però tra un po’, si rivelerà nella sua vera forma … insomma pagine già scritte mille volte leggendo i libri di storia.

    Nell’attesa di scoprire la vera forma del nuovo Presidente, mi dedico al lavoro, ai miei hobby, alla casa sperando che virus, ictus, infarto non mi colgano!!!!! :):):)

    Piace a 1 persona

  6. La periferia si sta illuminando ed allargando avvicinandosi alla città; il centro della città sta pian piano spegnendo allontanando (si) ARRETRANDO verso la periferia. Il termine periferia molti anni fa lo associavo a racconti poco edificanti; i residenti venivano descritti come un po’ di serie C . Dico nei romanzi, soprattutto nei gialli o noir . Essa era un luogo da guardare solo dal ‘’finestrino’’ transitando in auto o treno; oppure dai vetri delle finestre di palazzi per chi ci abitava in quei palazzi vecchiotti, magari. Hai ragione le piante e erb..acce, alcune specie di animaletti, ora son arrivati dove prima non potevano o non osavano. Le vetrine spente o gli angoli mezzi abbandonati di una città con le serrande ed i battenti chiusi è più angosciante nel nostro immaginario . Fa capire che qualcosa è per ora finito. IN attesa di ‘’rinascere’’, riapparire in maniera meno appariscente? Meno falsamente sberluccicosa.
    Le critiche dell’invidioso? Però cosa potrà mai invidiare o cosa vorrà criticare? Invidia per cosa? AL massimo qualche tuo collega fotografo o creativo d’immagine POTRA’ INVIDIARE- TE- e la -tua –amabile- capacità- di cogliere- questi palazzoni, trasfigurati in grafica immaginaria. Un po’ NAIF, un po’ quadri firmati da Ligabue ( il pittore) , un po’ schizzi promettenti quadri di Picasso . Futurismo di un NUOVO FUTURO. Quello in questo 20ennio del duemila. Sai che è vero ? Riosservando meglio SAREBBE UN MERAVIGLIOSO ‘’ SET CINEMATOGRAFICO’’ già bello pronto. Mancano solamente gli attori vivi e recitanti. Bravvissimi GIMP E LU’ . Voi siete già attivi. Baste in ciack si gira. TORINO è ‘’MIA’’ E VAIIIIIIII.
    @ Ciao CUOCO D’OLTRE MANICA SAXINTOSH E’ sempre carino leggerti . Anche se non mi immergo in argomenti spinosi. Non sono all’altezza. Un abbraccio extra comunitario. Con simpatia.

    Piace a 1 persona

  7. Li adoro i quadrettini con i disegnini con dentro le casettine ed gli omin-ini o donnine piccine. Tutto ”ino” insomma…. micro.mignon .Credo sia una reazione al mio essere verticalmente insufficiente? Forse

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...