Caleidoscopicamente LUNATICA

Il “CALEIDOSCOPIO” è un semplice strumento costruito con specchi inclinati, in genere di 60°, che permette ruotandoli anche poco poco, la creazione di complesse immagini geometriche sempre diverse.

Per questo motivo credo che la MENTE UMANA abbia un funzionamento “caleidoscopico”. Pensate come è facile mutare un pensiero qualunque dentro la nostra testa, nel volgere di un battito di ciglia … o di cuore!

Spero che qualche STUDIOSO ci liberi da quell’idea che una parte del cervello funziona razionalmente, mentre l’altra metà è irrazionale. SUVVIA là dentro, dentro la nostra testa, è un lunatico caleidoscopico CONTINUO stravolgimento di immagini che per i motivi più insondabili (un colpo di vento, il passaggio di una nuvola, un suono lontano, un improvviso raggio di sole, una variazione di temperatura, una parola colta all’improvviso) possono trasformarsi in qualunque cos’altro! Provate è facilissimo! Il cervello umano LO SA FARE spontaneamente, e lo fa a qualunque ora del giorno e della notte, mentre mangiamo, mentre dormiamo, quando studiamo, quando guidiamo, smettendo soltanto una volta nella vita di ciascuno di noi … per sempre.

Ah dimenticavo tra un’immagine e l’altra, sempre là dentro la nostra testa, c’è un breve momento di quiete. E’ proprio poco, non sprecatelo. Quello è il tempo a nostra disposizione per agire. Considerando che il cervello cambia pensieri anche più volte al secondo, pensate quante occasioni abbiamo per INIZIARE a fare le cose!!!

Credo, tuttavia, che bisogna fare molta ATTENZIONE alla pressante caleidoscopica produzione di pensieri che avviene dentro le nostre teste: il rischio è quello di rimanere incantati da un “loop” di pensieri dominanti senza più riuscire a vedere quello che abbiamo davanti agli occhi, perdendo opportunità di lavoro, amicizie, occasioni di partecipare, capacità di comprendere la realtà, senza riuscire più ad avere un ruolo ATTIVO di PARTECIPAZIONE, rinunciando ad AGIRE in altre parole … e chissà che altro!

Ora vediamo cosa succede alle immagini della Luna applicando i filtri “caleidoscopio” “sfericizza” e “coordinate polari” di GIMP.

Fotografie: Dal menù “FILTRI”, “DISTORSIONI” di GIMP scegliere “CALEIDOSCOPIO“: un vero prodigio grazie al quale è possibile “caleidoscopizzare” le immagini scegliendo il numero degli specchi, la rotazione, il disassamento sull’asse X o Y e la regolazione dell’espansione dello specchio, lo zoom!!! In questo caso, dalla stessa immagine di partenza, ho utilizzato 3 specchi ma ho modificato la rotazione degli specchi. E così una romantica serata con la Luna splendente nel pieno di una pandemia mondiale, si trasforma in un’allucinante architettura di un improbabile futuro post epidemico.

Fotografia: la LUNA PIENA del 7 maggio 2020 sorgeva verso le 21:00 dalla collina di Torino. Così come la vedevano gli occhi, senza caleidoscopio, senza colori modificati o coordinate polari.

Per fotografare la Luna in modo che si vedano le sue tipiche macchie, i tempi devono essere BREVISSIMI: almeno 1/500 di secondo, ho provato anche con 1/1000!

Fotografie: dal menù “FILTRI” di GIMP scegliere “DISTORSIONI” e “VORTICE e PIZZICO“. Le fotografie si trasformano come se fossero liquidi colorati che si mischiano in un vortice. E’ possibile scegliere il raggio del vortice e la sua larghezza. Lo “yin” (nero) e lo “Yang” (bianco) cercheranno di mischiarsi nel loro eterno tentativo di prevalere l’uno sull’altro …

L’effetto “MOSAICO”, invece (disponibile nel menù “DISTORSIONI” di GIMP) permette la creazione di infiniti mosaici diversi con piastrelle di qualunque forma e dimensione (triangolo, quadrato, pentagono esagono … irregolari e c’è anche la scelta “rotte”!!!). E’ possibile modificare lo spessore delle linee di contorno delle piastrelle, la percentuale di differenza cromatica e la loro altezza …

… adoro questo modo di trasformare le immagini: mi dà l’idea di poter comporre complesse figure partendo da semplici pezzetti colorati, un po’ come da pochi pensieri può innescarsi l’idea di un grande progetto!

In queste tre immagini, invece ho modificato il numero degli specchi 6, 3 e 5. Gli effetti sono radicalmente diversi ma vi assicuro che l’immagine di partenza è sempre la stessa!!!!

Fotografie: queste immagini si ottengono scegliendo il menù “FILTRI”, “DISTORSIONI”, “COORDINATE POLARI” di GIMP. L’utilizzo delle coordinate polari permette di avvolgere tutta l’immagine attorno ad un punto formando un cerchio. Si ottengono immagini circolari che sembrano strani pianeti con gli oggetti giganti, oppure veri e propri quadri astratti se si scegli l’opzione di rendere l’immagine rettangolare.

… associo queste immagini alle fantasie più nascoste, quelle che ciascuno di Noi non rivela neanche allo specchio!

Fotografie: dal menù “FILTRI” “DISTORSIONE” di GIMP scegliete “SFERICIZZA” … e la grande super LUNA potrà essere ulteriormente ingigantita o allungata … insomma alcune delle cose che suggerisce il cervello si possono eseguire con questi comandi!

NEXT: mandala caleidoscopici

Da Torino è tutto … se non è per me, va bene. Luigi Bacco.

cropped-torinonellarete-logo_19-novembre-20175.jpg

Le fotografie di oggi sono riprese con CANON EOS 80D la sera del 7 maggio 2020 su treppiede utilizzando tempi di esposizione di almeno 15 secondi quando vedete la luna tutta bianca, e 1/500 di secondo quando vedete la Luna con le sue tipiche macchie. Utilizzo un obiettivo Tamron 18-400.

16 pensieri riguardo “Caleidoscopicamente LUNATICA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...